Post

Immagine
Venerdì 13 ore 18:30 alla Libreria Esoterica IBIS di Bologna presentazione di "Mussolini e gli Illuminati"







Libreria Esoterica IBIS, Via Castiglione 11/B Bologna



Immagine
RENZI, BERLUSCONI E IL POKER DEL QUIRINALE
di Enrico Montermini

Avete mai visto un incallito giocatore al Casinò? Egli non si staccherà dal tavolo da gioco quando perde, perché vuole rifarsi, né quando vince, perché la sorte gli è propizia.La Fortuna gira e lui continua giocare. Abbandonerà il tavolo da gioco solo quando non avrà più soldi per rilanciare: quando avrà perso tutto. Questo è il segreto del Casinò: alla lunga il Banco vince sempre. Quanto accade nella politica di oggi è la ripetizione di ciò che accade nelle case da gioco, dove è il presidente Mattarella che tiene il Banco e dà fuori le carte. E a chi deve la sua elezione Mattarella? A Renzi e Berlusconi. Per questo è molto difficile che Mattarella dia un incarico di governo a Salvini o Di Maio. Sul primo nome c’è il veto di Renzi, sul secondo quello di Berlusconi. I due attori del patto del Nazzareno giocano di sponda.
Quando si accordarono per la legge elettorale, Renzi e Berlusconi avevano un piano inconfessabile: un g…
Immagine
RISPOSTA A FIAMMA NIRENSTEIN di Enrico Montermini In questi giorni il brutale omicidio di Mireille Knoll, un’ottantenne sfuggita alla Shoah, per mano di un magrebino a Parigi è diventato il pretesto per il solito teatrino dell’indignazione. Dalle pagine de “Il Giornale”, la Nirenstein grida la sua rabbia:  << Gli ebrei d'Europa, comprese Inghilterra e Russia, sono accerchiati, se ne vogliono andare, vedono che anche se alla fine le leadership accettano l'idea che si tratta di attacchi antisemiti, nessuno ha voglia di fronteggiare il vecchio mostro, che è di sinistra come Corbyn, di destra come la Le Pen, islamico come gli immigrati - scrive la Nirenstein. - Questo è molto più allarmante per il Vecchio Continente che per gli ebrei. Gli ebrei possono sempre trovare una patria in Israele. Invece gli europei non hanno dove andare. L'antisemitismo li distrugge come fece negli anni '30 e '40. Gli europei sono e saranno costretti a subire le cause e le conseguenze di…
Immagine
PERCHE' LA SINISTRA PREPARA UNA GUERRA TRA POVERI di Enrico Montermini Nell’articolo “Uno strano Paese” ho puntato il dito sulla follia di una classe politica, che se ne frega del popolo italiano e si preoccupa solo degli stranieri. Il post ha fatto il giro d’Italia suscitando tanti consensi, ma anche tante reazioni isteriche. Prima di parlare di razzismo e demagogia, bisogna ragionare su una serie di fatti. Il primo: l’immigrato può integrarsi in questa società consumista solo se ha un lavoro, altrimenti resta un escluso e un reietto. Il secondo: un Paese che ha già 5 milioni di disoccupati e che non vede – se non nei viaggi psichedelici di Renzi e Gentiloni! – segnali di ripresa economica, non può farsi carico dell'Africa intera. Conclusione? L'immigrazione incontrollata in tempi di crisi è una bomba sociale a orologeria, ma guai a dirlo: - si passa per razzisti!

I politici e gli intellettuali di formazione socialista, liberale e cattolica sono ossessionati dall’idea dell’…

Conjuring Hitler . Giacomo Preparata e Enrico Montermini

Immagine
Immagine
DALL'INTOLLERANZA ALLA VIOLENZA. IL VERO VOLTO DELLA SINISTRA
di Enrico Montermini

Dal 12 novembre 2011 (dimissioni dell’ultimo governo eletto) la stampa e l'esecutivo hanno stabilito un rapporto simbiotico, che impedisce ai cittadini di formarsi un’opinione corretta su quanto accade in questo Paese. Assistiamo quindi alla censura o alla criminalizzazione delle opinioni contrarie al governo. Ogni voce di dissenso viene sistematicamente bollata come fascista, razzista o populista.


Il concetto è stato mirabilmente esposto dal giornalista Pierangelo Buttafuoco, che nel lontano 2014 demolì Corrado Augias nel salotto televisivo di Lilly Gruber su La7. Le sue parole pesano come le pietre:  << Io sto citando Voltaire. Voglio fare riferimento a Voltaire e [Augias] se ne esce con la sparata dell’antisemitismo: “perché sei antisemita?” Io ricordo: ho sentito questa frase. Un altro avrebbe fatto saltare il tavolo al mio posto, perché quando si citano questi argomenti o si ridicolizza…