Post

Immagine
“ORDO AB CHAO”. LA CRISI DELL'EUROPA
di Enrico Montermini
Nel pensiero marxista è contenuta l’idea della “rivoluzione permanente”: una rivoluzione che non transige con nessuna forma di dominazione di classe e non si arresta alla fase democratica, ma passa alle misure socialiste e alla guerra aperta contro la reazione esterna. Adattando il meccanismo della filosofia helegeliana (tesi-antitesi-sintesi) all’idea della lotta di classe, viene teorizzato un processo rivoluzionario in cui ogni fase è contenuta in germe nella fase precedente. Tale rivoluzione non avrebbe avuto fine fino alla completa dissoluzione dello Stato in una società senza classi, che è il fine ultimo del socialismo utopico. Nello sviluppo di questa piccola ricerca il lettore potrà constatare da solo come a distanza di un secolo questo concetto è ancora attuale.
Trotskij e il piano per la Russia
Il più famoso propagandista dell’idea della “rivoluzione permanente” fu Leon Trotskij, l’eminenza grigia che si nascondeva di…
Immagine
MUSSOLINI E GLI ILLUMINATI
Siamo sicuri che Mussolini era nemico della massoneria?
E se è così, perché la massoneria favorì in ogni modo la marcia su Roma?
Quali erano i disegni segreti della Setta?
Con i Patti lateranensi Mussolini firmò forse la sua condanna a morte?




Dopo aver letto Enrico Montermini, Mussolini e gli Illuminati, Edizioni Sì comprenderete che tutto ciò che avete letto sui libri di storia è una colossale mistificazione!

Immagine
L’ATTUALITA’ DEL PENSIERO DI GIOVANNI PREZIOSI
di Enrico Montermini
Esiste una letteratura che è stata messa all’indice, bandita e proscritta dal Regime pseudo-democratico perché politicamente scomoda. In essa merita una menzione particolare Giovanni Preziosi, giornalista e uomo politico, che fu Ministro della Razza della Repubblica di Salò. Accennerò brevemente al suo pensiero facendo riferimento a una collezione di articoli raccolti nel libro Giudaismo, bolscevismo, plutocrazia, massoneria e, per la loro esegesi, a quanto scrisse il suo segretario personale Luigi Cabrini nel libro Il potere segreto.
Preziosi era, prima di tutto, un fervente cattolico e un fervente patriota. Per lui non esistevano i mezzi termini: una cosa era giusta o sbagliata, era vera o era falsa, era buona o cattiva. Tutto gli si può rimproverare, tranne la disonestà intellettuale: forse è per questo che suscita l'istintiva repulsione degli intellettuali mercenari al servizio del Pensiero Unico, che fanno mora…
Immagine
GIAMPIERO VENTURA: L'UOMO SBAGLIATO  di Enrico Montermini
La nazionale italiana è fuori dal mondiali e il commissario tecnico Ventura siede sul banco degli imputati. Si fa presto a dire che il calcio italiano è scarso, ma non è che la Svezia abbia mostrato chissà quale qualità! In effetti con Antonio Conte in panchina ci eravamo abituati bene: poi tutto è franato per qualche misterioso motivo. Certo è facile parlare col senno di poi, ma che qualcosa non filasse per il verso giusto era già chiaro fin dal 6 ottobre 2016: Italia-Spagna 1-1.
Nella prima delle due partite contro la Spagna, giocata in casa, i nostri ragazzi lasciarono il pallino del gioco agli avversari per 80 minuti senza mai riuscire a imbastire un'azione - dico una! - nella metà campo avversaria. Nel finale venne fuori l'orgoglio dei nostri, mentre gli spagnoli calarono vistosamente sul piano fisico e alla prima palla gol l'Italia agguantò il pareggio. La sensazione generale fu quello di aver affrontato un…
Immagine
LONDRA E IL POTERE MONDIALE: APPUNTI  di Enrico Montermini Visto che tanti giovani fuggono a Londra in cerca di opportunità che in Italia non hanno, mi sembra interessante comprendere perché questo accade. Il seguente articolo però non sarà un mantra sulle endemiche criticità della società italiana, ma un’obbiettiva osservazione di come l’Inghilterra abbia saputo mantenere una sua sovranità nazionale e persino un ruolo di grande potenza.
Il cane da guardia del grande capitale La geopolitica mondiale si può sintetizzare in una semplice domanda: chi possiede l’oro e chi monta la guardia alla cassa? La risposta è di una semplicità disarmante: l’oro è nelle mani di chi controlla i grandi fondi di investimento, cioè poche grandi famiglie di banchieri ebrei e i loro agenti (sia ebrei sia gentili); chi monta la guardia al forziere sono le grandi potenze. Tra queste c’è la Gran Bretagna. Nel mio libro Mussolini e gli Illuminati osservai che la Corona inglese per secoli ha controllato i commerci …
Immagine
LA CAPORETTO DEL CALCIO ITALIANO
di Enrico Montermini

Il calcio in Italia è un fenomeno così seguito che può essere definito lo specchio della società. Se questo è vero, ciò che emerge dallo spareggio mondiale con la Svezia è imbarazzante. L’allenatore della Ternana Sandro Pochesci, intervistato da Il Messaggero, ha messo il dito nella piaga: << Andiamo in Svezia e ci facciamo pure menare. Oltre che siamo una squadra di profughi, ci siamo fatti menare e adesso rischiamo di andare a casa. Se contro la Svezia avessimo messo una squadra della nostra serie C, avremmo vinto. Una volta l’Italia menava e vinceva. Adesso ci menano e piangiamo. A portare tutti gli stranieri in Italia è successo questo, non c’è più un italiano che mena. Andiamo in Svezia e ci menano. Siamo diventati tutti pariolini. Dobbiamo cambiare le regole, le squadre Primavera sono fatte tutte da stranieri e dobbiamo dire basta perché il calcio qui è fatto dagli italiani. Questo è il campionato italiano, altrimenti and…